Skip to navigation – Site map

Del peccato alessandrino

Realtà e limiti della maestría ‎di un autore e di un personaggio ‎(Libro de Alexandre)
By Marta Materni

Negli ultimi quindici anni, in particolare dopo la monografia e i numerosi contributi di Amaia Arizaleta, si è assistito alla proliferazione degli studi intorno a quello che è comunemente considerato uno degli emblemi della letteratura castigliana dei primi del XIII secolo: il Libro de Alexandre. Alla luce di tutto il nuovo materiale interpretativo che è emerso – approfittando delle possibilità offerte da una monografia, cercando di tirare una serie di somme rispetto al passato e suscitare nuovi quesiti – il volume risponde innanzitutto al tentativo di proporre una visione d’insieme attualizzata di questo testo. Tuttavia, rispetto alle interpretazioni recenti, insistentemente protese verso un fronte cortigiano e politico, si è deciso di assumere un punto di vista strettamente letterario: un viaggio all’interno delle parole del testo con un occhio rivolto ad altri testi, in particolare a quelli del confinante mondo francese, un viaggio articolato intorno ai due termini chiave, presenti fin dal prologo, di maestríae pecado, con le loro innumerevoli sfumature, nel tentativo di ricondurre il poema castigliano nel più ampio alveo della cultura europea.

Pubblicato con il supporto dell’ Università Paris-Sorbonne (Conseil scientifique, École doctorale IV et CLEA, EA 4083).

Copertura: Histoire ancienne jusqu'à César (ca 1260-1270), ms. 0562, fol. 166.
Crediti: Bibliothèque municipale de Dijon.

About the author

  • Marta Materni est titulaire d’une licence et d’un master en Histoire médiévale et moderne (Attività scientifiche di Gerberto d'Aurillac, publié en 2007 et The Viterban Studium of the XVIth Century : An Education Experiment of the Italian Renaissance, publié en 2011) ainsi que d’un doctorat en philologie romane portant sur la littérature espagnole médiévale, et en particulier sur le Livre d’Alexandre.

Elle s’intéresse aux thématiques liées à la diffusion des savoirs et aux relations entre l’Espagne, la France et l’Italie, tant d'un point de vue historique que littéraire.  

    Marta Materni ha dapprima conseguito una laurea triennale in Scienze Storiche-curriculum medievale (con una tesi pubblicata nel 2007 con il titolo di Attività scientifiche di Gerberto d'Aurillac) e una laurea specialistica in Studi sulle civiltà e le culture del Medioevo (con la tesi The Viterban Studium of the XVIth Century: An Education Experiment of the Italian Renaissance, pubblicata nel 2011). Successivamente si è dedicata alla filologia romanza, e ha ottenuto un dottorato in Letteratura e filologia romanza presso l'Università "La Sapienza" di Roma sul Libro de Alexandre.
Si è interessata soprattutto a tematiche legate alla diffusione dei saperi e alle relazioni tra il mondo culturale spagnolo e quello francese e italiano, sia da un punto di vista storico che letterario.  

    Marta Materni se graduó en Historia medieval y moderna (Licencia italiana de tres años: ttività scientifiche di Gerberto d'Aurillac, publicada en 2007; licencia italiana de especialización: The Viterban Studium of the XVIth Century: An Education Experiment of the Italian Renaissance, publicada en 2011) y después obtuvo un Doctorado en Filología Románica centrado en la literatura española medieval y en particular en el Libro de Alexandre.

Sus trabajos giran principalmente en torno a la cuestión de la difusión de los saberes durante la época medieval y a las relaciones históricas y literarias entre el mundo español y los mundos francés e italiano.