Navigation – Plan du site
Del peccato alessandrino - Marta Materni

Una premessa a mo’ di giustificazione

Texte intégral

Felicia antiquorum censeo fuisse tempora, dum summos principes recolo naturis rerum investigandis operosam diligentiam adhibuisse. Tunc locum habuit quod dicitur: “Rex illetteratus, asinus coronatus”. Nonne artes liberales antiquitud solis liberis servierunt? Ingenus ingenuarum facultatum usus concessus est, mechanicarum sive adulterinarum ignobilibus. Romulum et Numam literatissimos fuisse quis neget ? Julius Caesar in cursu astrorum peritissimus fuit, unde et, errores antiquorum corrigens, compotum certissima tradidit eruditione. Augustum scriptorem egregium fuisse docet liber quem de morte Maronis composuit. Quis Ptolomaei nobile opus non miretur ? Aristotelis discipulum fuisse Macedonem certum est, cujus causa Logicam elaboravit.Tam sedulus autem naturarum indagator extitit Macedo, ut in vase vitreo naturas et consuetudines piscium deprehenderet. Gallum etiam secum habuit, ut super diluculo per gallicinum certificaretur. In vase dicto didicit Alexander quonammodo insidiae clandestinae praeparandae sint contra hostes in re militari, dum exercitum piscium contra alios insurgere inspexit. Pro dolor ! Naturas piscium scripto non commendavit. Paucissima vero de eorum natura in notitiam mei devenerunt, quae ad communem utilitatem interserere mihi non erit molestum.
Alexander Neckam, De natura rerum, lib. i, cap. xxi

Alexandre le fils d’un magicien oriental sulfureux, l’ancien roi d’Egypte Nectanabus ; Alexandre le guerrier et le stratège invincible, élu par les/la divinité(s) pour conquérir un empire quasi universel ; Alexandre le roi généreux et courtois ; Alexandre l’élève d’Aristotes et le savant qui veut explorer l’Orient et élucider ses arcanes ; Alexandre le héros démesuré qui, dans sa quête personnelle de la toute-puissance et de l’immortalité, entraîne son armée dans une entreprise sacrilège ; Alexandre le sage qui souhaite s’initier aux valeurs autres de l’Orient, se convertit au monothéisme à Jérusalem et entame un débat théologique avec les Brahmanes : voilà autant de facettes – parfois difficiles à concilier, d’où la naissance d’ambigüités – de cette figure héroïque et royale dont la geste romanesque n’a cessé de hanter les hommes du Moyen Âge […] S’emparant des récits et des légendes de l’Antiquité tardive, l’Occident médiéal a contribué à la survie et à la recréation de ce personnage mythique, dont la grandeur et l’ambivalence dépassent le mythe politique du roi conquérant.
« Introduction », p. vii

  • 1 Cf. il cap. ii. La biblioteca dell’anonimo per altre indicazioni bibliografiche e l’Appendice i del (...)
  • 2 R. S. Willis, The Relationship of the Spanish LdA to the Alexandreis of Gautier de Châtillon, Princ (...)
  • 3 Id., The Debt of the Spanish LdA to the French Roman d’Alexandre, Princeton, 1935.
  • 4 El LdA, Texts of the Paris and Madrid Manuscripts, Id. (ed.), Princeton, 1934.
  • 5 Per una panoramica sulle tre principali fonti utilizzate dal poeta castigliano, cioè la Alexandreis(...)

1Con le monografie dedicate rispettivamente al rapporto fra il Libro de Alexandre e le sue due fonti principali1, l’Alexandreis di Gautier de Châtillon2 e il Roman de Alexandre nella versione del manoscritto di Venezia (o Alexandre B)3, e che seguivano la pubblicazione dell'edizione paleografica4 dei due testimoni completi sopravvissuti, negli anni trenta del xx sec. Raymond Willis offriva agli studiosi della letteratura castigliana medievale gli strumenti fondamentali per immergersi in questo testo che, passati i decenni, continua a imporsi come una delle pietre miliari della storia letteraria della Penisola, al di là della questione piuttosto dibattuta sull’esistenza o meno, o comunque sulla reale consistenza del cosiddetto mester de clerecía, che la tradizione vuole inaugurato proprio dalle coplas iniziali del poema alessandrino. Ma i decenni non sono passati invano : ancora oggi, se si vuole iniziare una ricerca sul Libro de Alexandre, per prima cosa si prendono in mano questi tre volumi ; ma il loro spirito positivista — di esclusiva catalogazione delle fonti — lascia ormai insoddisfatti. Essi sono strumenti iniziali di orientamento per avere un’idea precisa della struttura portante del poema, ma li si abbandonerà ben presto. E in verità l’accurata edizione di Juan Casas Rigall del 2007, con la sua indicazione in nota delle fonti dei singoli passi5, rende ormai quasi del tutto obsoleto il volume dell’autore anglosassone dedicato alla Alexandreis. Dico “quasi” perché quel testo presenta un’impostazione anomala rispetto alle classiche ricerche sulle fonti, e grazie a tale anomalia offre ancora qualche interessante spunto di riflessione : l'ottica adottata da Willis fu quella infatti di elencare con estrema precisione, verso per verso, quel che del poema mediolatino non era confluito nel Libro de Alexandre. Il quadro offerto, per quanto interessante proprio per questa impostazione differente, risultava però in questo modo incompleto : ritengo infatti che sia imprescindibile applicare, in particolare alle opere che si propongono come “traduzione”, come opere di mediazione tra il latino e il romanzo, il modello di analisi del rapporto testo/fonte proposto da Aimé Petit per i romans antiques francesi del xii sec., e che contempla :

  • passaggi della fonte che non hanno lasciato traccia nella trasposizione romanza ;

  • passaggi conservati che possiedono la stessa importanza quantitativa ;

  • passaggi conservati che hanno però subito uno spostamento ;

  • elementi che sono stati oggetto di uno sviluppo ;

  • elementi che hanno subito una sensibile riduzione ;

    • 6 A. Petit, Naissance du roman. Les techniques littéraires dans les romans antiques du xiie siècle, L (...)

    passaggi che rappresentano un’integrale addizione6.

  • 7 R. S. Willis, The Debt…, p. 58: « At this point it is hardly necessary to repeat that it could not (...)

2Con il secondo volume Willis si assumeva il merito di aver individuato la versione del Roman d’Alexandre — fra quelle a noi note — più prossima all’archetipo utilizzato dal poeta castigliano, vale a dire la versione di Venezia o versione B7. Delle due opere è forse quella oggi più utile, dal momento che i passaggi ai quali si fa riferimento sono ancora i più problematici.

  • 8 Id., « Mester de Clerecía: A Definition of the LdA », Romance Philology, 10, 1956-57, p. 212-224; a (...)
  • 9 Id., « Mester… », p. 222.

3Ma è solo in un breve articolo8 che, al di là di questi dati più tecnici, si cerca di delineare anche un contesto per il poema castigliano ; particolarmente suggestiva — e a mio avviso molto pertinente e tuttora valida — l’immagine con cui Willis conclude il suo scritto : « Rebelliously, the old Adam, the clerigo d’escuela, reasserts himself on the heels of the judgement and sentencing of Alexander, for, in the hand of the author, the scholar-warrior King rises to triumph at the close of his span of life »9. La lunga dissertazione sul presunto sapere universitario manifestato dal protagonista, e che costituisce il cuore dell’articolo, ha invece un po’ pesato sulle interpretazioni successive, che, in molte, lo hanno ereditato come una sorta di dato acquisito mai rimesso in discussione.

  • 10 I. Michael, The Treatement…, p. 248: « The result is not a simple structure but a composition of co (...)

4Nel 1970, ai testi appena citati si aggiungeva un’altra pietra miliare degli studi di ambito alessandrino castigliano : il volume di Ian Michael The Treatement of Classical Material in the Libro de Alexandre. Rispetto al positivismo ottocentesco di Willis si facevano ora passi da gigante verso una dimensione interpretativa. Introducendo i concetti di medievalizzazione, cristianizzazione e moralizzazione, Michael completava l’opera di Willis analizzando almeno alcune delle forme di alterazione della fonte mediolatina da parte del poeta castigliano, e precisamente quelle che si riferivano alla rappresentazione del Macedone con i tratti caratteristici di un sovrano duecentesco10.

  • 11 Una sintetica descrizione delle varie fasi succedutesi negli studi dedicati al LdA, corredata da tu (...)

5Quello che però continuava a mancare era una contestualizzazione dell’opera, e a questa carenza ha supplito, aprendo un nuovo filone di studi11, Amaia Arizaleta con la sua tesi di dottorato pubblicata nel 1999, La translation d’Alexandre. Recherches sur les structures et les significations du Libro de Alexandre. Contestualizzazione ma non solo, come suggerisce lo stesso titolo : il solco è quello di Ian Michael, nel quale l’autrice si inserisce con forse maggior finezza interpretativa. Ma se le “strutture” interne erano ancora l’oggetto principale di interesse nel 1999, successivamente a imporsi come centro quasi esclusivo delle sue riflessioni è stato il solo contesto. Delle tesi di questa studiosa si discuterà comunque ampiamente nella prima parte del lavoro.

6Gli ultimi quindici anni circa hanno visto i contributi moltiplicarsi, ma i titoli citati continuano a essere le sole monografie sul poema. A distanza di dodici anni dalla pubblicazione dell’opera della studiosa spagnola, e alla luce di tutto il materiale interpretativo che è emerso negli anni immediatamente precedenti e in quelli successivi, mi è sembrato opportuno, senza pretese di grande originalità ma piuttosto cercando di tirare alcune somme rimaste in sospeso e più che altro proponendo tutta una serie di nuovi quesiti, delineare un aggiornato quadro d’insieme, assumendo una prospettiva strettamente letteraria : un viaggio interno alle parole del testo con l’occhio rivolto in primo luogo ad altri testi, articolato intorno ai due termini chiavi, presenti fin dal prologo, di maestría e pecado, con le loro molteplici sfumature.

Haut de page

Notes

1 Cf. il cap. ii. La biblioteca dell’anonimo per altre indicazioni bibliografiche e l’Appendice i dello stesso capitolo per l’indicazione delle edizioni usate in questo lavoro.

2 R. S. Willis, The Relationship of the Spanish LdA to the Alexandreis of Gautier de Châtillon, Princeton, 1934. Per una prima introduzione a varie tematiche connesse con questo poema, oltre al suo rapporto con il poema castigliano, cf. Bibliografia, § 3.5.2.

3 Id., The Debt of the Spanish LdA to the French Roman d’Alexandre, Princeton, 1935.

4 El LdA, Texts of the Paris and Madrid Manuscripts, Id. (ed.), Princeton, 1934.

5 Per una panoramica sulle tre principali fonti utilizzate dal poeta castigliano, cioè la Alexandreis, il Roman d’Alexandre B e la Historia de preliis, a cui si aggiungono la Ilias Latina e l’Excidium Troiae per la sezione troiana, rimando, oltre naturalmente ai testi di Willis, ai testi citati in Bibliografia, § 3.5.1. Per la sezione troiana cf. § 3.5.4, 5 e 6 ; per la Historia de preliis cf. § 3.5.3.

6 A. Petit, Naissance du roman. Les techniques littéraires dans les romans antiques du xiie siècle, Lille, 1985, p. 24-25.

7 R. S. Willis, The Debt…, p. 58: « At this point it is hardly necessary to repeat that it could not have been our extant fourteenth-century manuscript B, but only an ancestor, which was utilized by our thirteenth-century Spanish poet. But it is pertinent to remark that B is clearly the work of an Italianate, that is, South Gallic, scribe, and that manuscript A, which alone among the other manuscripts of the Roman d’Alexandre preserves the primitive decasyllabic first branch utilized by the Spanish poet, and exhibits other archaisme as well, is likewise of southern French work manship. Thus it may be suspected that pre-Alexandre de Paris versions of the Roman d’Alexandre circulated with some currency in southern France until a relatively late date; and this, in turn, may serve to explain why a version of the B type, rather than of the Alexandre de Paris type came south across the Pyrenees into Spain and into the hands of our poet ».

8 Id., « Mester de Clerecía: A Definition of the LdA », Romance Philology, 10, 1956-57, p. 212-224; al quale si devono aggiungere: Id., « The Artistry and Enigmas of the LdA A Review Article », Hispanic Review, 42, 1974, p. 33-42; Id., « In Search of the Lost LdA and its Author », Hispanic Review, 51, 1983, p. 63-88.

9 Id., « Mester… », p. 222.

10 I. Michael, The Treatement…, p. 248: « The result is not a simple structure but a composition of considerable complexity, which is paralleled in medieval Spanish literature only by the Caballero Zifar and the Libro de buen amor, but which is commoner in medieval French literature. […] This multiple form of composition has some connections with the medieval artes poeticae and contemporary forms in painting and sculpture, as well as with the artes praedicandi and medieval musical forms ».

11 Una sintetica descrizione delle varie fasi succedutesi negli studi dedicati al LdA, corredata da tutte le indicazioni bibliografiche, si può leggere in Id., « Ciencia y fantasía en el LdA », Troianalexandrina, 8, 2008, p. 19-37, p. 21-23.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Marta Materni, « Una premessa a mo’ di giustificazione », in Del peccato alessandrino, Paris, CLEA (EA 4083) (Les Livres d’e-Spania « Études », 3), 2013, [En ligne], Mis en ligne le 26 mars 2013, consulté le 25 mars 2017. URL : http://e-spanialivres.revues.org/598

Haut de page